Fevelant denant de gugje

Fevelant denant de gugje

ovvero raccontare e raccontarsi mentre si lavora a maglia o all’uncinetto.

knit-1845926_640Dove e quando

A partire dal 28 febbraio, ogni martedì sera dalle 20.30, grazie all’accoglienza della Pro Loco di Campeglio (UD) che ci metterà a disposizione la sala dell’ex-asilo, in Via S. Michele 17.

Come funziona

Ognuno porta i suoi strumenti – le so gugje – ferri o uncinetto che siano; i suoi progetti – ca sedin cuviartis, cjalzus, baretis, maons, pipins – in corso o da iniziare. E si lavora, insieme. Fevelant denant de gugje.

E faremo amicizia – spero – e faremo gruppo, e scambieremo, così che chi è un principiante può trovare qualcuno che lo guidi, e chi è esperto può condividere la sua esperienza. Ben vengano persone di tutte le età, mi piacerebbe che nel tempo diventasse un appuntamento dove più generazioni si incontrano e scambiano sia l’arte del fare a maglia, che l’arte del vivere.

wool-1728431_640

L’ingresso e la partecipazione sono e resteranno aperti a tutti e non è richiesto un contributo all’attività perché non è un corso, né ci sono insegnanti – tutti saremo allievi ed insegnanti.

Ma per contribuire alle spese per l’utilizzo della sala – gentilmente concessa dalla Pro Loco di Campeglio (UD) – ad ogni partecipante è richiesta un’offerta libera.

Conviviale

Cercheremo di portare sempre una tisana, qualche biscotto, e se qualcuno ha piacere di contribuire portando le proprie creazioni è e sarà sempre il benvenuto!

Cuore di maglia

Come è nato

E’ l’idea nata dopo aver sentito parlare degli Stitch&Bitch milanesi, dove una volta al mese le persone si incontrano e fanno quello che faremo noi: lavoro e chiacchiere, e incontri e scambi. Ho avuto l’enorme fortuna di trovare il libro “Ai Ferri Corti” di Alice Twain in un negozio dell’usato per bimbi e mamme. Non so quale mamma o nonna, forse, ha lasciato in dono quel libro; a me ha aperto gli occhi su un mondo nuovo. E mentre imparavo – e sto imparando – a lavorare a maglia, ho sentito emergere il profondo desiderio di proporre anche qui, in Friuli, questi incontri.

Ne ho parlato con qualche donna a me vicina e qualcuna ha dimostrato il mio stesso entusiasmo. E allora, perché no? Diamo vita a Fevelant denant de gugje, e vediamo come va… si viodìn a Cjampei!